Interessante la sentenza n. 1979 del 16/12/2019 del TAR Puglia, Lecce, Sez. II nell’ambito dell’avvalimento all’interno di un RTI: le imprese facenti parte dello stesso RTI possono avvalersi della stessa impresa ausiliaria.

Il TAR ha accolto il ricorso del costituendo raggruppamento che in precedenza era stato escluso dalla procedura di gara in quanto due delle tre imprese che ne facevano parte avevano presentato un contratto di avvalimento con la stessa impresa ausiliaria.

Tra le ragioni dell’esclusione operata dalla stazione appaltante vi era il fatto che “il contratto di avvalimento […] risultava essere stato sottoscritto con Ausiliaria di altro partecipante alla gara  in contrasto, quindi (pena esclusione), con quanto previsto dall’art. 7 capoverso 8 del Disciplinare di gara (che ribadisce l’art. 89 comma 7 del D. Lgs. 50/2016)”

Con riferimento a questo motivo di esclusione, il TAR ha affermato che “esso contrasta con la previsione (pur richiamata, ma male interpretata dall’Amministrazione) di cui all’art. 89 co. 7 codice appalti pubblici (CAP), secondo cui: “In relazione a ciascuna gara non è consentito, a pena di esclusione, che della stessa impresa ausiliaria si avvalga più di un concorrente, ovvero che partecipino sia l’impresa ausiliaria che quella che si avvale dei requisiti”. Dunque, tale previsione normativa esclude che della stessa ausiliaria si avvalga più di un “concorrente”, ma non impedisce che, nell’ambito del medesimo raggruppamento di imprese, queste ultime si avvalgano della medesima impresa ausiliaria, sempreché non vi siano intenti elusivi, non allegati dall’Amministrazione (cfr, sul punto, C.d.S, V, 10.4.2018, n. 2183).
Pertanto, sotto tale profilo, la S.A. ha introdotto una nuova causa di esclusione dei concorrenti dalla gara, in violazione del principio di tassatività delle cause di esclusione.

Per concludere, un invito che facciamo ai nostri lettori è quello di fare sempre attenzione ai contratti di avvalimento per evitare spiacevoli esclusioni: l’oggetto del contratto deve essere ben specificato e a titolo oneroso.

17/12/2019

Ing. Alessandro Lattanzi

© Riproduzione riservata Capriotti Appalti Solutions