L’art. 26 del Decreto Aiuti approvato dal CdM il 05 maggio 2022 introduce straordinarie e innovative misure di riequilibrio finanziario per gli appalti pubblici del Paese.

Al fine di assicurare la realizzazione delle opere pubbliche avviate ed evitare che le nuove gare vadano deserte a causa del caro-materiali e dell’aumento dei prezzi dei carburanti e dell’energia, le nuove norme prevedono l’aggiornamento dei prezzari, misure di compensazione per i lavori eseguiti nel 2022 e l’adeguamento ai nuovi listini dei bandi pubblicati nell’anno in corso.

In particolare, per far fronte all’aumento dei costi di realizzazione delle opere, lo Stato mette a disposizione risorse complessive per circa 10 miliardi (di cui 9,5 aggiuntivi rispetto a quanto già stanziato) sia per le compensazioni, sia per le nuove gare, a cui possono accedere le stazioni appaltanti che non dispongono di risorse proprie sufficienti a compensare le imprese sulla base dei prezzari rivisti.

In base a quanto previsto dal decreto-legge, le Regioni devono aggiornare i prezzari delle lavorazioni entro il 31 luglio 2022 (in caso di inadempienza interverranno gli uffici territoriali del Mims). Nelle more di questa revisione, le stazioni appaltanti possono applicare un incremento del 20% rispetto ai prezzari in vigore al 31 dicembre 2021.

Per tutti i contratti aggiudicati sulla base di offerte con termine finale di presentazione entro il 31 dicembre 2021, lo stato di avanzamento dei lavori relativo agli interventi eseguiti e contabilizzati nell’anno 2022 viene adottato applicando gli adeguamenti sopra definiti e i maggiori importi vengono riconosciuti dalla stazione appaltante nella misura del 90%.

Viene definito un sistema tutto nuovo di compensazione che non guarda più ai rilevamenti del Mims, spesso contestati dai costruttori poiché parziali e troppo spesso non rispondenti alle reali condizioni di mercato.

Si passa ad una fruttuoso aggiornamento delle contabilità con impiego dei prezzari aggiornati. Tutta un’altra entità di compensazione.

I prezzari aggiornati dalle Regioni restano in vigore fino al 31 dicembre 2022 e potranno essere utilizzati fino al 31 marzo 2023 per i progetti a base di gara la cui approvazione sia avvenuta entro tale data. Anche per l’esecuzione dei lavori previsti negli accordi quadro e già aggiudicati alla data di entrata in vigore del decreto, le stazioni appaltanti, nei limiti delle risorse complessivamente stanziate, possono utilizzare i prezzari aggiornati.

Per pagare alle imprese le compensazioni per i lavori effettuati nel 2022 le stazioni appaltanti, in primo luogo, devono utilizzare le risorse proprie, ad esempio rimodulando le somme a disposizione indicate nel quadro economico degli interventi, oppure quelle disponibili relative ad altri interventi ultimati o derivanti da ribassi d’asta. Se tali azioni non dovessero assicurare risorse sufficienti, le stazioni appaltanti possono accedere ai due fondi esistenti presso il Mims che vengono rifinanziati.

Per quanto riguarda, invece, i bandi che saranno pubblicati nel corso del 2022 relativi alle opere finanziate dal Pnrr e dal Piano complementare e alle opere commissariate, per far fronte ai maggiori costi risultati dall’adeguamento dei prezzari viene istituito presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze un fondo specifico con una dotazione complessiva di 7,5 miliardi di euro (1,5 miliardi per ciascuno degli anni dal 2022 al 2026).  Anche in questo caso, le stazioni appaltanti possono accedere al fondo qualora non dispongano di risorse proprie sufficienti.

Questa dunque le misure previste dal Governo previste dai decreti che si sono susseguiti in questi mesi e che operano su diversi frangenti del ciclo dell’opera pubblica:

  • obbligo di aggiornamento dei prezzari da impiegare nella redazione del progetto;
  • revisione prezzi obbligatoria dal 27 febbraio 2021 su tutti i contratti d’appalto;
  • riconoscimento delle compensazioni sul lavorazioni già eseguite.

Sulla revisione dei prezzi resta valido il sistema tracciato dall’articolo 29 del DL 4/2022 “Sostegni-ter”.

Sulle compensazioni su lavori eseguiti, invece, possiamo così sintetizzare:

  • primo semestre 2021 (chiusa il 09 dicembre 2021 su base rilevamento Decreto Mims)
  • secondo semestre 2021 (su base rilevamento Decreto Mims in uscita nei prossimi giorni)
  • primo e secondo semestre 2022 (su base prezzario aggiornato entro il 31 lagosto 2022)

Saranno mesi caldi per le imprese operanti nel settore…

Per supporto nell’attività contattaci.

07/05/2022

Direzione CAS