Il Consiglio di Stato, sezione V, sentenza n. 389 del 16/01/2020 per la prima volta si esprime sulla liberalizzazione delle quote si subappalto, nessun “se” e nessun “ma”, ogni limite (30% vecchio regime, 0-40% con il nuovo regime) DEVE RITENERSI SUPERATO.

Non è pertinente al riguardo neppure il richiamo all’istituto del subappalto previsto dall’art. 105 del codice dei contratti pubblici ed ai limiti ad esso relativi (30% per cento «dell’importo complessivo del contratto di lavori, servizi o forniture, secondo la formulazione del comma 2 della disposizione richiamata applicabile ratione temporis, che peraltro deve ritenersi superato per effetto delle sentenze della Corte di giustizia dell’Unione europea del 26 settembre 2019 (C-63/18) e 27 novembre 2019 (C-402/18).

E’ così che l’abbattimento dei limiti al subappalto ridisegnerà l’organizzazione delle aziende operanti nel settore appalti pubblici.

Ma che succederà in ottica di maturazione e mantenimento dei requisiti tecnico -economici – organizzativi? Ci sarà un impoverimento dei requisiti dell’appaltatore sempre più simile a un contractor? Se per questa situazione abbiamo delle disposizioni che ci aiutano a capire abbiamo molta meno chiarezza sulle seguenti condizioni.

Sarà sempre impossibile, anche in condizioni particolari, stabilire dei limiti al subappalto? Secondo noi no!

Si dovranno soppesare i principi confliggenti (accesso agli appalti PMI, libertà di organizzazione ma anche corretta esecuzione).

Il subappalto qualificatorio poi è condannato a morte con l’abbattimento dei limiti? Probabilmente si!

I limiti per le categorie SOA SIOS al 30% (comma 5 dell’art. 105)che fine faranno?

Parleremo di questi temi nel corso del 31/01/2020, con lo scrivente e con l’Avv. Emilia Piselli della Piselli & Partners, impossibile mancare, mai come oggi l’imprenditore deve scrutare l’orizzonte, si prevedono grandi trasformazioni nelle strutture e organizzazioni dei player degli appalti pubblici.

Per ora, è tutto.

24/01/2020

Arch. Paolo Capriotti

© Riproduzione riservata Capriotti Appalti Solutions