Multisistema di calcolo dell’anomalia. Non tutti i mali vengono per nuocere!

Avevamo evidenziato fin dai primi giorni di vita del D. Lgs. 50/2016 della stravaganza di previsione contenuta nell’art. 97 per cui prima dell’apertura delle offerte economiche la stazione appaltante deve sorteggiare uno dei sistemi previsti, creando una situazione paradossale per cui nell’urna ci sarebbero cinque differenti potenziali aggiudicatari e quindi cinque migliori offerte.
L’estrazione si è resa necessaria per garantire ogni previsione ed ogni possibile strategia di predeterminazione dell’offerta vincente, questa è scritto nell’articolo stesso al comma 2 “ … al fine di non rendere predeterminabili dai candidati i parametri di riferimento per il calcolo della soglia ..”
Diciamocelo quindi che la lotteria è stata inventata per sconfiggere la cattiva abitudine di cordate e/o accordi come se tutti gli imprenditori fossero propensi a questi trucchetti che altro non sono che gravi reati di turbativa.
A distanza di mesi però ci siamo accorti che la previsione normativa dei sistemi di calcolo dell’anomalia, quando è prevista l’esclusione automatica e questa è applicabile, ha portato a significative riduzioni dei ribassi di aggiudicazione.
Tutte le settimane ci sono imprenditori che ci portano a conoscenza di aggiudicazioni anche al di sotto del 20% e questa cosa fa veramente piacere perché sta succedendo che non sono colpi di fortuna, o genialate di pronostico, succede che la tendenza è cambiata, la casualità dei cinque metodi di calcolo sta portando le imprese a fare gli sconti tenendo conto delle possibile capacità e dell’utile di impresa.
La logica che sta andando per la maggiore è quella che segue il principio “visto che la soglia è imprevedibile faccio un’offerta che mi produca un buon utile” per questo quindi qualsiasi sia il sistema estratto ci sono riduzioni significative.
Poi però ci sono i Vietcong.
Come i Vietcong che continuano a fare la guerra dopo 20 anni dall’armistizio, qualcuno infatti continua a fare il 40% e il 50% che dire a questi? sveglia la guerra è finita!
L’infelice pensata di organizzare una lotteria prima della gara, per evitare che le imprese si mettessero d’accordo per non si sa quali sotterfugi, ha prodotto questo effetto virtuoso di riduzione degli sconti di aggiudicazione.

Quando si dice che tutti i mali non vengono per nuocere…

Nell’ultimo decennio l’utile era scomparso per la disgraziata abitudine degli imprenditori di seguire le statistiche, se volevi aggiudicarti una gara in OG1 dovevi scontare 28-30% per importi fono a 50.000 euro, dovevi scontare 30-35% per importi sopra le 500.000 euro, non era più nemmeno pensabile di studiare il lavoro e il computo metrico estimativo per capire quanto sconto fare, questa cattiva abitudine ha fatto chiudere molte aziende e ha denigrato la professionalità di imprenditori seri che si sono dovuti necessariamente prestare a questo circolo vizioso solo per far girare i soldi.
Quindi l’utile di impresa è tornato a rimpinguare le casse di quegli imprenditori che sono sopravvissuti, negli ultimi dieci anni hanno sofferto e tirato a campare in un settore, quello degli appalti, dove se si voleva lavorare si doveva essere pronti a rimettere soldi o a fare da banche alle stazioni appaltanti.
Se il Legislatore avesse avuto intenzione di debellare il problema dei ribassi con eccessivi chissà se avrebbe trovato una misura così efficace.
Nota bene che la riduzione dei ribassi di aggiudicazione si verifica essenzialmente quando c’è la previsione dell’esclusione automatica e questa è applicabile (sotto certi importi e sopra certi partecipanti).
C’è da sperare che non ci siano ripensamenti su questo sistema che se pur bizzarro in qualche modo ha risolto entrambi i problemi, qualche dubbio ce lo abbiamo soprattutto in merito alla disciplina contabile e danno erariale in quanto qual è la giusta spesa di una commessa? Si possono “regalare” o “negare” economie sulla base di una lotteria? Non si poteva trovare un unico sistema di calcolo capace da solo di garantire la ricercata imprevedibilità?
A nostro avviso si poteva fare meglio e senza l’invenzione dei cinque multicriteri di calcolo, ci pare un po’ come si suole dire sparare ad un mosca con un cannone.
Clicca per visualizzare la simulazione di calcolo con i 5 sistemi.

5 sistemi calcolo anomalia

Dott. Paolo Capriotti
21/01/2017
© Riproduzione riservata Capriotti Appalti Solutions